loading...

[ ATTENZIONE ] Guidi un’auto intestata ad un altro? Attenzione alla multa

(Visto 397 volte, 1 visite oggi)

Già da un paio di anni si è scatenato il caos per una nuova norma che introduce l’intestazione temporanea, imponendo così di avere sul libretto di circolazione lo stesso nome di chi sta al volante. La multa fa paura davvero a tutti, si tratta di ben 700 euro. Ma bisogna fare chiarezza, in realtà è tutto molto più semplice e non c’è nulla da temere, nonostante la complessità di questa norma.

loading...

Cosa dice la norma?
La novità non riguarda tutti, ecco cosa dice la norma: il proprietario e intestatario della carta di circolazione, se non coincida con l’utilizzatore del veicolo, avrà l’obbligo di comunicare di chi è in possesso di quel veicolo. In caso di omissione è prevista una sanzione di 705 euro, oltre al ritiro della carta di circolazione. Quando si dice che l’auto viene usata in maniera continuativa significa che la persona in questione usa l’auto da più di trenta giorni, è questo il fatidico periodo.
Questo problema però non sussiste per i familiari, o per chi utilizza l’auto di qualcun altro, ma in maniera saltuaria.

Ma scommetto che vi state facendo alcune domande. Abbiamo deciso di rispondere ad alcune domande ipotetiche, che ci siamo fatti anche noi quando siamo venuti a conoscenza di questa norma.

A chi bisogna fare la comunicazione dell’intestatario temporaneo?
All’Archivio Nazionale Veicoli (ANV), che è un nuovo registro che dovrebbe sostituire quello della Motorizzazione e del.

Come dimostro che guido l’autoveicolo da meno di 30 giorni?
È la Polizia che deve dimostrare che il veicolo viene guidato in maniera continuativa da più di 30 giorni. Quindi se volete essere sicuri non dichiarate mai alla Polizia che si sta utilizzando l’auto da oltre un mese, se non si hanno i documenti in regola e se si utilizza l’automobile in maniera saltuaria.
Se sulla carta di circolazione appare lo stesso indirizzo di residenza di chi si trova alla guida, come nel caso di una familiare, non si deve fare nulla per mettersi in regola.

Insomma in realtà ci sono pochi accorgimenti da seguire per non incorrere in questa pesante sanzione. Fate girare questo articolo affinché tutti siano informati sulla realtà della norma.

FONTI CONSULTATE:
Automoto.it
QuesturadiTerni

Lascia un commento